COLLIO, PRESENTATA UFFICIALMENTE LA RETE D'IMPRESA PINOT BIANCO

Riceviamo da Ufficio Stampa The House Of e volentieri pubblichiamo.

collio progetto pinot bianvo 1 570 itin

“Rete d’impresa Pinot Bianco nel Collio” si presenta ufficialmente e sceglie le vigne dell’azienda Pascolo a Ruttars


La rete d’impresa è un’associazione che riunisce sette storici grandi protagonisti del vino friulano: Castello di Spessa, Livon, Pascolo, Russiz Superiore, Schiopetto, Toros, Venica&Venica. L’unione fa la forza e queste sette cantine hanno deciso di impegnarsi, mettendo assieme competenze ed esperienze, nella valorizzazione e nella promozione dell’elegante vino bianco internazionale in terra friulana. La rete è stata presentata oggi nelle vigne dell’azienda Pascolo a Ruttars a Dolegna del Collio (GO) alla presenza dei sette produttori. A presentare è stato Marco Felluga, più di novant’anni di storia del vino friulano, che da tempo immemorabile auspicava questa unione: “La giornata di oggi è molto speciale, è come una consacrazione.” Personaggio di spicco del Collio che si è speso sia sul fronte del miglioramento qualitativo dei vini che su quello della valorizzazione e conoscenza dei mercati mondiali.

marco felluga pinot bianco 1 570

Siamo in una terra, - un’area collinare divisa tra Italia e Slovenia - dove, anche se il Pinot Grigio è la parte dominante con il 30% della produzione, il Pinot Bianco, che oggi è inferiore al 10% (76mila bottiglie), ha una sua espressione precisa di estrema qualità. La rete d’impresa Pinot Bianco è un progetto innovativo promosso da cantine che credono infatti in questo vitigno come simbolo di una produzione di eccellenza, in una regione nota nel mondo proprio per i suoi vini bianchi. Uno degli obiettivi dell’associazione è esaltare le peculiarità del territorio: per questo le sette famiglie si considerano “sentinelle” del Collio, con l’intento di preservare il Pinot Bianco e lanciarlo nel firmamento dei vitigni a bacca bianca più conosciuti ed apprezzati.

collio pinot bianco spessa 570

Il Pinot Bianco è un vino da condivisione, un vino intimo che unisce le persone e crea nuovi legami. Sin dal grappolo si capisce che il nettare che nascerà non potrà essere comune: il grappolo stesso nasce chiuso a pugno, compatto, - gli acini si stringono vicini per proteggersi dall’esterno. Come una famiglia, in cui ognuno si sostiene a vicenda. Così anche le aziende del Pinot Bianco nel Collio, hanno scelto di unire gli intenti ed ergersi a protezione del proprio territorio, creando un progetto comune che possa innalzare il valore non solo del Pinot Bianco, che qui trova un terreno ideale per generare vini di struttura, longevi e apprezzati ovunque, ma anche del Collio stesso e di tutte le famiglie che lo vivono ogni giorno.

riserva sanserff bianco spessa collio 570

Da oltre 150 anni ha preso fissa dimora anche nel territorio friulano, trovando le condizioni climatiche ottimali per esaltare tutte le sue qualità con discrezione, senza mai esagerare. Di difficile gestione, ama le zone fresche, necessita di una buona illuminazione e richiede molta cura. Un vitigno delicato, tra i filari ma anche nel calice: il vino Pinot Bianco conquista con la sua finezza, come una fresca carezza in bocca, e si può quindi considerare tra i vini bianchi più eleganti al mondo. Quanto ad eleganza è quindi anche in testa alla classifica dei bianchi prodotti in regione: raffinato, gentile, garbato sia nei profumi che al gusto. Affinato in barriques dà vini setosi.

Venica Venica Ronco del Cerò collio 570

L’arrivo delle prime barbatelle di Pinot bianco nel Collio Goriziano (allora Friuli Austriaco) si deve al conte La Tour di Capriva, alla fine del XIX secolo. I vecchi lo chiamano ancora Borgogna bianco, com’era presentato nel catalogo del 1863, con questa annotazione: “Varietà coltivata a Lestizza da più di 20 anni, il cui frutto dà vino squisito”. Antipasti di pesce con olio extravergine del Collio, prosciutto crudo di San Daniele o accompagnato al formaggio Montasio, minestre di asparagi o gnocchi di patate al formaggio delicato, o accompagnato alle uova al tartufo bianco di Muzzana, sui ravioli di branzino con sugo di fasolari o sull’insalata di cappone e radicchio Rosa di Gorizia, sono soltanto alcuni tra gli abbinamenti preferiti.

 

Le Aziende Associate:

Castello di Spessa “Santarosa” DOC Collio
Livon DOC Collio
Pascolo DOC Collio
Russiz Superiore DOC Collio
Mario Schiopetto DOC Collio
Toros DOC Collio
Venica Talis DOC Collio

 

Rete Pinot bianco nel Collio
Via Russiz 7, Capriva del Friuli (GO)
info@pinotbiancocollio.it 

Logo 2022 Itinerari dei sapori

©2022 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.