IL FOOD & BEVERAGE RIPARTE DA CIBUS: IL MEGLIO DEL MADE IN ITALY

di Giuseppe Casagrande

cibus 2022 espositori itin 22 570

Dal 3 al 6 maggio a Parma ritorna il Salone internazionale dell'alimentazione. Le aziende puntano sul binomio salute e sostenibilità. Boom dei prodotti vegetali e vegani.

Il mondo del Food & Beverage riparte da Cibus. Dopo due anni di pandemia ritorna a Parma (3-6 maggio) il Salone internazionale dell'alimentazione (edizione numero 21) organizzato da ParmaFiere e da Federalimentare. Mille i nuovi prodotti in esposizione, pronti a conquistare il mercato nazionale e quello straniero. Sarà un Salone all'insegna della tradizione, delle eccellenze enogastronomiche e della ecosostenibilità. L'unica incognita è legata agli sviluppi della guerra alle porte di casa con effetti sull'inflazione, sull'aumento dei costi delle materie prime e sul rischio di una flessione dei consumi interni. Eppure i segnali positivi non mancano: dall’arrivo degli investimenti del Piano europeo alla crescita dell’export.

felicetti pastai italiani itin 22 570

Riccardo Felicetti, presidente dell'Associazione Pastai Italiani

Intanto, le aziende del food & beverage made in Italy puntano sul binomio salute e sostenibilità. I trend per il futuro sono prodotti attenti alla salute e al benessere, al gusto e a nuove combinazioni di ingredienti, oltre che a territorialità e packaging sostenibili. Negli stand si potranno dunque trovare olii di oliva spremuti a freddo, salumi con meno grassi e sale, pesto realizzato a freddo, formaggi senza lattosio, hamburger vegetali, una vasta offerta di prodotti di nicchia. Cento di questi prodotti, destinati sia al canale retail sia a quello Horeca, saranno esposti nell’area “Cibus Innovation Corner”, situata nel Padiglione 8, suddivisi per settori: Gusto & ingredienti, Packaging, Sostenibilità, Territorialità.

L'attenzione delle industrie alimentari sui prodotti biologici e vegani.

pasta italia cibus itin itin 22 570

In generale, rimane forte l'attenzione delle industrie alimentari a salute e benessere, come pure alla domanda di prodotti biologici e vegani, seguendo l’onda lunga dell’emergenza pandemica. Qualche esempio: le maltagliatelle di lenticchie rosse e riso integrale; le polpettine di fave e piselli bio, cotte al forno; gli snack di legumi tostati, senza conservanti; la merenda con frullato di frutta fresca e gallette di riso ricoperte di cioccolato; il salame senza conservanti, a lunga stagionatura; le cotolette vegetali di pollo; il prosciutto di Parma da suini nutriti con semi oleosi ricchi di Omega 3; la pasta senza glutine a base di riso integrale e alga Spirulina; i filetti di alici con il 25% di sale in meno, confezionate in olio di semi biologico.

Imperativo assoluto rimane la ricerca del gusto: ecco alcune chicche

san daniele italia cibus itin itin 22 570

La ricerca del gusto rimane un imperativo assoluto, basti pensare a: guanciale di vitello brasato al barolo, cotto sottovuoto; le praline al cioccolato con anima di formaggio erborinato, cioè con muffe; il prosciutto cotto al tartufo nero; gli scrigni con gorgonzola e cioccolato rosa per i ripieni; la glassa al Marsala per piatti dolci e salati; la tradizionale salsa verde arricchita con prezzemolo, coriandolo, peperoncino e succo di limone; il pesto di agrumi con arance e mandorle, condimento per primi piatti e secondi di pesce; i friarelli saltati in vaschette. Le confezioni sono sempre più spesso ecostenibili e compostabili: gli incarti del cioccolato bio a base di amido di mais compostabile; il Panbauletto con 58% in meno di plastica, confezionato senza vaschetta, con laccio apri e chiudi; salse per aperitivi con - 40% della plastica e -65% cartone e imballi. E ancora: gli gnocchi surgelati, integrali grano antico Senatore Cappelli, cottura in 2 minuti; l’Olio Dop Umbria non filtrato; il filetto di salmone da allevamenti con 2,5% di salmoni su 97,5% d’acqua; i succhi di frutta in capsule compatibili.

Tremila le aziende presenti con migliaia di buyer in arrivo da tutto il mondo

parmigiano reggiano rotto 570

Oltre 3 mila sono le aziende presenti, mentre saranno migliaia i buyer in arrivo da tutto il mondo (Usa, Europa, Medio Oriente, Sud America e Asia) che torneranno finalmente in Italia dopo un lungo, forzato stop. Il nostro export continua a presentare un segno positivo, specie per quanto riguarda l’area extra UE (meno penalizzata dagli effetti della guerra in Ucraina), che, nel 2021, ha rappresentato il 42,6% delle esportazioni alimentari italiane. In particolare, il mercato Usa ha registrato un aumento del 14% sull’anno precedente. A Cibus 2022, che quest’anno presenta la prima edizione “carbon neutral”, ovvero a zero emissioni, si sono già registrati anche 50 mila operatori professionali italiani della distribuzione e della ristorazione, che qui non solo incontrano i fornitori, ma trovano idee e soluzioni per tutti i canali del food & beverage.

Logo 2022 Itinerari dei sapori

©2022 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.