OSTERIA BUONA CONDOTTA, L'OSPITALITA' PRIMA DI TUTTO

di Daniela Guaiti

1

Che la Brianza sia solo un susseguirsi di capannoni e fabbrichette è un mito da sfatare. Le colline che si stendono tra Milano e i Laghi rivelano ville, abbazie, splendidi scorci di paesaggio, tesori di arte e architettura. E di sapori. Ne sa qualcosa Matteo Scibilia, chef di origine pugliese che ha scelto proprio la Brianza per aprire il suo ristorante: l'Osteria della Buona Condotta - oggi conosciuta e apprezzata dal pubblico, e segnalata dalle più importanti guide - aprì a Vimercate nel 1990, grazie all'amore dello chef per la cucina e di sua moglie Nicoletta per i vini, ma da ormai 24 anni l'Osteria si trova a Ornago.Tuttavia «la storia è molto più lunga – spiega lo chef – perché in qualche maniera io e mia moglie nasciamo in altri settori».

risotto 1 570

Una storia che Scibilia racconta con passione. «Io nasco come chimico farmaceutico, e mi sono avvicinato al mondo dell'alimentazione lavorando per la Rio Mare: le grandi aziende ti danno una formazione importante, rigorosa. Poi, negli anni Ottanta ho incontrato il mondo della ristorazione milanese: era un universo che stava nascendo, in cui non c'erano ancora "stelle", a parte quella di Marchesi. In quella Milano io ho lavorato per la Jolanda de Colò (azienda che seleziona eccellenze alimentari e produce fegato grasso e salumi d'oca) e per la Longino & Cardenal, che ricerca e distribuisce cibi di lusso, come direttore commerciale.

risotto 2 570

In questa veste ho incrociato tutti i maggiori ristoratori di Milano». Una Milano che ancora non conosceva prodotti come il manzo Angus o il salmone irlandese. «Cose che oggi sono quasi scontate, allora erano una novità. Era una Milano che costruiva una nuova cucina su quella tradizionale, era la "Milano da bere". È lì che ho iniziato». La strategia di Scibilia era semplice ma geniale: invitava a casa propria i cuochi cui voleva presentare i nuovi prodotti la domenica sera, e cucinava per loro queste specialità. La cosa piaceva, tanto che «dopo un po' Gualtiero Marchesi mi disse "ma perché non lo fai di professione?". Nel frattempo ho incontrato a un corso per sommelier quella che poi sarebbe diventata mia moglie.

cotoletta 1 570

E l'incontro fu perfetto, coronato da un'altra coincidenza: si liberò un wine bar a Vimercate, che prima era gestito proprio dal sommelier di Marchesi. Io e la Nicoletta gli subentrammo: Vino divino si chiamava. Oggi lo fanno in tanti, ma allora l'enoteca con cucina non esisteva, eravamo dei precursori: i bar facevano i bar e basta, non facevano da mangiare. Noi servivamo vini eccellenti e piatti cucinati con prodotti di altissima qualità. Nacque così l'Osteria della Buona Condotta, e iniziammo a fare una buona cucina, con buone materie prime e con la mia esperienza. Una cucina tradizionale con un pizzico di innovazione. Il segreto per il successo di un ristorante è nella qualità e nel senso dell'ospitalità».

mondeghili buona condotta 570

Una ricetta che è ancora oggi fondamento della cucina della Buona Condotta, e che ha portato frutti: i riconoscimenti sono arrivati non solo dai clienti del ristorante, ma anche dalle istituzioni. Tanto che Scibilia è stato il primo chef a essere insignito dal Presidente della Repubblica della medaglia d'argento come benemerito della cultura e dell'arte. Così nella sua Osteria si possono trovare grandi prodotti internazionali e specialità locali. «Io sono l'uomo dei missoltini: la gente viene qui per mangiare i missoltini, gli agoni salati ed essiccati del Lago di Como. E io preparo un piatto siciliano, la pasta con le sarde fatta con questi agoni, che sono le "sarde" del lago, tanto che si dice si tratti di pesci di mare rimasti intrappolati qui, in queste acque dolci».

melanzane alla parmigiana scibilia 570

La tradizione è un filo conduttore per lo chef, nella ricerca delle materie prime di qualità, come il salame buono e i formaggi buoni che nelle valli lombarde sono di casa, come nella preparazione dei classici: «la cotoletta alla milanese fatta bene è un nostro caposaldo. Quest'autunno vogliamo proporre il carrello dei bolliti, un classico dimenticato, difficilissimo da realizzare bene». Come è difficile confrontarsi con una tradizione che si declina in tanti modi quante sono le case in cui i piatti venivano preparati. E difficilissimo qui in Brianza è preparare una casseoula che metta d'accordo tutti. «Per questo "gioco" con la tradizione e propongo la casseoula di oca, che è legata ai territori della Lomellina, dove viene chiamata bottaggio.

polpo e crema di ceci 570

Sulla stessa linea si pone l'insalata estiva di trippa, tiepida, senza il pomodoro, che fino al Seicento non poteva far parte della ricetta perché ancora non era presente in Italia. Ecco, con ogni piatto cerco di raccontare una storia». L'amore per le tradizioni e per le materie prime d'eccellenza è a 360 gradi: «abbiamo prodotti di diverse regioni, e in un angolo vendiamo le specialità che usiamo in cucina». Attenzione anche alle nuove proposte e alle esigenze dei clienti, con il servizio take away. Senza dimenticare la stagionalità, in un menu che si rinnova, proprio per stuzzicare la clientela più affezionata, che trova così sempre qualcosa di nuovo.

pesce buona condotta 570

Infine i vini, il regno di Nicoletta, con una carta che conta «duecentocinquanta etichette, con una preferenza per i vini naturali di ultima generazione. Un occhio di riguardo anche per le birre artigianali. Cerchiamo di stare sul territorio. Ma soprattutto cerchiamo di fare bene un mestiere in cui non si finisce mai di imparare». E quando si parla di vini entra in campo Nicoletta Rossi con tutta la sua esperienza, maturata in 30 anni di lavoro: «Ho iniziato 30 anni fa prendendo una piccola enoteca a Milano, in piazza Santo Stefano, vicino alla Statale: si chiamava Vino e Olio. È stata una delle prime enoteche a vendere anche conserve, sottoli, tonni e altri piccoli prodotti di grande qualità.

Buona condotta tiramisu 570

Da qui passai a lavorare per l'Enoteca Solci, una delle più importanti, storiche enoteche di Milano. Mi diedero carta bianca nella cura della parte gastronomica, a partire dall'elaborazione dei cesti-regalo, che fino ad allora contenevano solo vino. Qui sono entrata davvero in contatto con il gotha dell'enologia, ero poco più che una neofita nel grande mondo dei produttori. È a questo punto che la mia storia si ricongiunge con quella di Matteo, e a quel wine bar di Vimercate che rilevammo insieme. Abbiamo iniziato soprattutto con i vini, in una realtà che era "vergine" rispetto a certi prodotti: lì nessuno conosceva i vini neozelandesi, australiani o cileni che proponevo.

gelato 0steria 570

E in zona ho trovato una clientela splendida, che mi ha seguito. Tanto che quando diventammo Buona Condotta avevo una carta da 750 etichette. Poi, arrivati a Ornago, ho ridotto il numero, concentrandomi sui prodotti italiani, arrivando a 500 vini. Erano anni in cui la gente usciva, sperimentava, assaggiava. Le cose cambiarono con la crisi, a partire dal 2008: meno soldi in tasca, meno possibilità di spendere. Via via la carta si ridusse fino alle 250 tipologie attualmente presenti. Non sono certo poche, ma è giocoforza evitare di comprare certe bottiglie che poi non si vendono».

nicoletta vini 570

Una carta che vede tanta Lombardia, che punta sull'Italia e che si sa adattare alle tendenze: «Come ci sono piatti che negli anni sono diventati desueti, così è per i vini. Alcuni si bevono meno, è il caso ad esempio dei novelli, che qualche anno fa erano molto in voga. Oggi si punta ai vini naturali. Ma naturale deve essere buono; selezioniamo produttori che fanno cose buone. Nel nostro immaginario il vino è una cosa naturale, una spremuta di uva: non pensiamo a tutte le piccole correzioni che spesso si devono fare, soprattutto nella grande produzione. Vogliamo far capire che naturale non vuol dire che il vino deve avere un odore sgradevole.

OSTERIA buona condotta 570

E' una battaglia che portiamo avanti insieme ad alcuni produttori, come il marchigiano Roberto Capecci, nella convinzione che il vino deve ripartire dall'uva». Certo, saper distinguere non è facile: «L'acquisto dei vini per la ristorazione non è frutto di una casualità. Bisogna capire chi sono le aziende, come lavorano, da quanto tempo. Non basta andare in fiera e assaggiare. Alla costruzione della carta si arriva con il ragionamento, con l'attenzione alle esigenze della clientela: io ho anche il vino sfuso, di un ottimo produttore, selezionato. E quando mi dicono che anche il mio vino sfuso è buono, so che ho raggiunto la quadratura del cerchio». Dalle bottiglie di blasone alla caraffa, dai prodotti di élite alla tradizione popolare: in tavola e nel bicchiere, l'importante è la qualità.

2

 

Osteria della Buona Condotta
Via Cavenago 2 Ornago, 20875, MB
Tel. 0396919056, buonacondotta@virgilio.it  
www.osteriabuonacondotta.com 

 

CONOSCERE ORNAGO
Ornago (Urnàgh in dialetto brianzolo) è un comune italiano di 5 109 abitanti della provincia di Monza e Brianza in Lombardia. Dal 1º settembre 2010 la parrocchia di Ornago si è fusa con le parrocchie di Bellusco, Cavenago di Brianza e Mezzago formando la Comunità pastorale Santa Maria Maddalena. Si trova nella pianura padana, al limite delle colline della Brianza, a nord est di Milano, da cui dista 20 km. Dista inoltre: da Monza, capoluogo di provincia, circa 14 km. Ornago è un comune compreso nel territorio del Vimercatese. Parte del suo territorio è compreso nel parco locale di interesse sovracomunale del Rio Vallone. Ornago è famosa per il suo Santuario dedicato alla Beata Vergine del Rosario, sito nella frazione omonima. Il tempio mariano, edificato nel 1567.

Ornago Santuario buona condotta 570

Custodisce al suo interno un'effigie di una Madonna con bambino con in mano un rosario, dipinta dal pittore Federico da Monza nel 1704. Dal 1714 il dipinto, che campeggia sull'altare maggiore del Santuario, è entrato a far parte di una tradizione popolare: proprio in quell'anno, caratterizzato da lunghi mesi senza piogge, gli Ornaghesi attribuirono all'effigie della Madonna con il bambino la scoperta di una risorgiva poco lontana dal luogo di culto. Per diverso tempo la Chiesa considerò la risorgiva un fatto naturale. Non così la popolazione, che avviò spontaneamente un vero e proprio moto di adorazione sia per la fonte, detta “Fontanella di Ornago”, che per la Madonna. La seconda domenica dopo Pasqua e la seconda domenica di ottobre si celebrano ben due feste in onore del Santuario della Beata Vergine del Lazzaretto.

mappa lombardia 570

 

Logo ItinaerarideiSapori bianco

©2021 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.