HOSTERIA GRAPPOLO D'ORO, LA VERACE CUCINA ROMANESCA

di Anton Giulio Onofri

carbonara grappolo doro 570

In privilegiata e fortunatissima posizione strategica tra Piazza Navona e Campo de’ Fiori, l’Hosteria Grappolo d’Oro (come si legge nel bel logo che elabora motivi floreali intrecciati a un graspo stilizzato e ornato di cinque abbondanti chicchi d’uva) è, in pieno centro a Roma, il luogo ideale dove fermarsi a pranzo e a cena per chi abbia voglia di assaggiare verace cucina romanesca esente da fronzolute rielaborazioni e pericolosi ‘aggiornamenti’, accolto dai sorrisi e dalla simpatia di Federica, Barbara e Kevin. Tutti gli ingredienti provengono dai vicini presidi Slow Food, e il menu offre invitanti percorsi tra carni, pesce e verdure del territorio a un prezzo onesto, che può naturalmente variare secondo i vini indicati in una carta piuttosto sorprendente per varietà e livello anche per i bevitori più esigenti.

grappolo doro piatto 1 570

Nella speranza che possa presto ritornare in menù la coratella con i carciofi, sacrificata insieme ad altri piatti ‘forti’ della cucina locale per accelerare la ripresa dopo la forzata chiusura a causa del Covid, l’offerta è ugualmente ricca e appetitosa, a partire dalle Polpette di bollito con salsa verde e altri sfiziosi antipasti, come il Baccalà mantecato con insalatina di zucchine romanesche, la Parmigiana di zucchine, bufala e pomodorini arrosto, una Millefoglie di burrata e alici o la tradizionale Panzanella (pane raffermo bagnato, pomodoro, olio, aglio e basilico) ideale nelle calde serate estive. Si prosegue sul fronte dei primi con la triade classica di pastasciutta, lunga o corta, Cacio e pepe, all’Amatriciana o alla Carbonara, che sfiorano il capolavoro. Ma ci si può avventurare in assaggi più elaborati, tipo i Ravioli di melanzane con pomodori e scaglie di parmigiano reggiano.

piatto 3 grappolo doro 570

I Mezzipaccheri con alici fresche, zucchine romanesche e pan grattato tostato alle erbe, o gli Spaghettoni acqua e farina – vivamente consigliati – con sugo di pomodorini freschi. Tra i secondi, sono squisiti e leggerissimi l’Agnello alla romana, la morbida Guancia di manzo brasata al Cesanese (il vitigno a bacca nera forse più rappresentativo del Lazio) o le Polpette al sugo, mentre chi preferisce il pesce può scegliere un Filetto di spigola in crosta di zucchine romanesche. Obbligatori i controni: Cicoria ripassata, Insalata di fagiolini, basilico e datterini, oppure, forse addirittura imperdibili, le croccanti Patate al forno. Per chiudere, tra i dolci tradizionali tutti fatti in casa, la nostra raccomandazione è per lo Zabaione al Marsala Vecchio Florio con croccante di nocciole, prima di proseguire la serata, soddisfatti e felici, a passeggio tra le piazze e le stradine del centro storico più bello e prezioso del mondo.

piatto 4 grappolo doro 570

Hosteria Grappolo d’Oro
Piazza della Cancelleria, 80
00186 Roma (IT)
Tel. +39 06 689 7080
www.hosteriagrappolodoro.it 

 

Logo ItinaerarideiSapori bianco

©2021 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.