COSTIERA AMALFITANA, LA GRANDE BELLEZZA

di Carmine Maione

Costiera Amalfitana 2 ph Gabriella Imparato 570

Chi giunge per la prima volta sulla costiera amalfitana si sente rapito dalla bellezza. Questo tratto di costa frastagliata, situato a sud della penisola sorrentina e affacciato sul golfo di Salerno, è delimitato ad ovest da Positano e ad est da Vietri sul Mare, il primo borgo che si incontra giungendo dall’autostrada Napoli-Salerno. Con le sue cupole maiolicate Vietri sul Mare è famosa per la lavorazione artigianale delle ceramiche. Arrivando da Sorrento, invece, sono i Faraglioni di Capri che catturano lo sguardo, visibili da gran parte della costiera rendono i tramonti indimenticabili. Ma non è l’unica via di accesso: tagliando in due la costiera la si raggiunge percorrendo i tratti in salita verso i Monti Lattari, fino a Tramonti attraverso il Valico di Chiunzi per poi iniziare la discesa, o in alternativa percorrendo l'altra strada in salita che da Castellammare di Stabia porta ad Agerola, sfiorando Gragnano, la città della pasta artigianale apprezzata in tutto il mondo. Oltrepassata Agerola, non prima di aver assaggiato il "Fiordilatte agerolese" e il "Provolone del Monaco", autentiche unicità del territorio, inizia la discesa incontrando Furore, il “paese dipinto”.

Costiera Amalfitana 1 ph Gabriella Imparato 570

Dall’alto svetta Ravello, sospesa fra cielo e mare, dove si respirano atmosfere d'altri tempi con i tesori d’arte delle sue chiese millenarie, le visioni d’infinito di villa Cimbrone e la magia di Villa Rufolo, già ammirata da Boccaccio che la celebrò nel Decameron. Ritornando giù tra le mille curve lungo la strada proveniente da Vietri sul Mare, incontrando i rari tratti leggermente pianeggianti di Maiori e Minori è obbligatoria una sosta per degustare i mitici dolci a base di limone e per scoprire le bellezze dei luoghi e il fascino del “Sentiero dei Limoni”, un percorso che va dalla valle verde di Tramonti e si snoda tra terrazzamenti panoramici e storiche mulattiere fino a raggiungere la “Costa delle Sirene” a Minori. Riprendendo il viaggio verso Ovest si giunge nella minuscola Atrani, incassata nella valle del Dragone, dove ai tempi della repubblica marinara si svolgeva la cerimonia di investitura dei dogi amalfitani, mentre sulla strada che da Amalfi si arrampica verso Furore, il borgo di Conca dei Marini è riconoscibile dalle volte a botte della bianca costruzione seicentesca adagiata su uno sperone di roccia.

Costiera Amalfitana 3 ph Gabriella Imparato 570

Ed ecco Amalfi, la più antica repubblica marinara, fondata nel IV secolo d.C. , da cui prende il nome la costiera, dove alla celebrità del Duomo, che fa da quinta al teatro della piazza, si contrappone la città araba, dai vicoli segreti, androni e porticati biancheggianti di calce. Un’architettura fantastica di loggette, scale e scalinatelle che si intersecano in un gioco di geometrie azzardate, intrecci di costruzioni che sembrano mantenersi sospese per caso e che fecero dire a Le Corbusier “non è possibile, ma esiste”. Lasciando Amalfi si giunge a Praiano, il cuore della costiera, un coagulo di case abbarbicate sulla costa montuosa dove regna incontrastato il "silenzio". La cupola del duomo brilla per i colori delle maioliche, tra i fiordi dove poter fare il bagno e fermarsi a pranzo “scalzi” a pochi metri dall’acqua, nelle trattorie storiche per degustare piatti unici come i “Tubetti con i totani al sugo di pomodoro e conditi con la “marmellata di peperoncino”, così la chiamano da queste parti. Superata Praiano si procede lungo la strada verso Positano, la perla della costiera amata dal turismo internazionale, sorvegliata dall’alto da Montepertuso.

Costiera Amalfitana 6 ph Gabriella Imparato 570

Tra alberghi di lusso e ristoranti celebri, tra case colorate, terrazze, spiagge e boutique alla moda, Positano ospita numerosi eventi culturali, mostre d’arte, festival di danza ed è tra le location più amate da star dello spettacolo e artisti provenienti da ogni angolo del pianeta. La magia continua proseguendo da Positano verso Sorrento e giungendo allo snodo che collega, in alto, con Sant’Agata sui Due Golfi (frazione di Massa Lubrense) e consente di spingersi fino al Capo di Sorrento (Punta Campanella) attraversando Marina del Cantone, affacciata sul golfo di Salerno tra la Baia di Ieranto, la spiaggia in ciottoli di Recommone e Nerano (frazioni di Massa Lubrense): da qui Capri la si può abbracciare. Chi vuole vivere l'esperienza di poter ammirare da un unico punto i golfi di Napoli e Salerno con Capri e Vesuvio all'orizzonte, allora può spingersi sul punto più alto dei Monti Lattari e affacciarsi dalla terrazza del Belvedere di Monte Faito, dove è possibile perdersi con lo sguardo degustando le eccellenze della cucina tradizionale campana. 

Bellezze naturali, cultura, enogastronomia e ospitalità

Costiera Amalfitana 9 ph Gabriella Imparato 570

La Costiera amalfitana dal 1997 è stata dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell'Umanità”. Oggi l'area del sito Unesco comprende 12 comuni, in un territorio le cui straordinarie peculiarità paesaggistiche e ambientali fanno da sfondo a testimonianze storico-artistiche che ne rappresentano l’identità delle origini: dalle ville romane di Minori e Positano del I secolo d.C. all'architettura pubblica e privata medievale, dai preziosi manufatti di oreficeria e artigianato custoditi dentro chiese e musei, alle meraviglie naturalistiche della Valle dei Mulini. La posizione geografica unica, con terrazzamenti che digradano dai Monti Lattari verso il mare, dove trionfano i vigneti eroici curati dalle mani sapienti di viticoltori che realizzando muretti a secco hanno contenuto nel tempo l’erosione dei suoli. Le coltivazioni a terrazzamento catturano lo sguardo del visitatore: gradinate di orti e giardini intagliati nei fianchi della montagna, punteggiati per tutto l’anno dall'oro dei limoni che brillano tra il verde cupo del fogliame per fondersi nel turchino e lo smeraldo di un mare dai colori sempre mutevoli. Tra mille insenature, fiordi incredibili e borghi che ospitano comunità di pescatori che hanno conservato intatte le pratiche della pesca tradizionale, la generosità del mare la si apprezza ovunque nei piatti unici che hanno reso celebre la ristorazione del luogo.

Costiera Amalfitana 4 ph Gabriella Imparato 570

Al pescato costiero si aggiungono i prodotti del mare trasformati e conservati, frutto di antiche pratiche come quella della Colatura di Alici di Cetara che si appresta ad ottenere il riconoscimento europeo della Dop. La costiera è nota non solo per prodotti tipici come il limoncello, liquore ottenuto dai limoni della zona (sfusato amalfitano), ma anche per la sua eterogeneità: ognuno dei paesini ha il proprio carattere e le proprie tradizioni. La posizione favorevole la rende meta turistica dai tempi degli antichi romani e da sempre un punto di riferimento dal valore culturale e naturalistico tipico del mediterraneo, questa lingua di terra italica è diventata negli ultimi due secoli una destinazione irrinunciabile per viaggiatori, scrittori, poeti e narratori. Anche la stella della danza Rudol’f Nureev aveva scelto di vivere sull’isolotto de Li Galli davanti alla baia di Positano, sotto lo sguardo di un altro grande dei nostri tempi come il regista fiorentino Franco Zeffirelli, che aveva scelto Positano per vivere gran parte del proprio tempo ospitando nella sua villa a picco sul mare il jet set internazionale.

Costiera Amalfitana 5 ph Gabriella Imparato 570

Ma la costiera è anche altro, specie per gli amanti del trekking che trovano lungo il “Sentiero degli Dei”, il percorso naturale che attraversa la costa dall’alto fino a sfiorare il cielo che si fonde col mare, dove lo sguardo si perde all’infinito lasciando senza fiato. La sua unicità è dovuta al fatto di non essere solo infrastrutture e servizi, ma una collezione di luoghi esclusivi incastonati come pietre preziose tra rocce e macchia mediterranea, tra bouganville e mille altri fiori che rilasciano nell’aria un trionfo di profumi. Qui la natura è sovrana, il mare azzurro cristallino accarezza la costa frastagliata intervallata da tratti di spiaggia sabbiosa. Ma è il senso dell’ospitalità che regno su tutto: chiuque giunga in costiera scopre sin da subito di trovarsi in un luogo unico dove, dai grandi alberghi a cinque stelle ai BaB, ovunque si incontra una straordinaria accoglienza; un’arte che gli abitanti del luogo hanno interiorizzato nel tempo.

La storia

Costiera Amalfitana 7 ph Gabriella Imparato 570

Ai tempi della Repubblica marinaia fondata nell'839, il territorio amalfitano andava da Cetara ai rilievi montuosi di Scala, Tramonti e Agerola, dal territorio stabiese con Lettere, Pimonte e Gragnano fino all'isola di Capri. I suoi confini erano presidiati da castelli e fortificazioni i cui resti sono visibili in prossimità dei centri abitati, a mezza altezza fra il mare e i crinali dei monti. Lungo la costa, una serie di torri di avvistamento ricorda le incursioni dei corsari turchi. Le origini di Amalfi sono avvolte dalle nubi della leggenda. Numerosi, infatti, sono i miti legati alla sua fondazione, in ogni caso, tutti ruotano attorno alla discendenza romana, dimostrata anche dai rinvenimenti archeologici di età imperiale. A seguito delle incursioni germaniche del V secolo d.C. molti profughi romani delle città campane, ormai preda delle orde barbariche, si rifugiarono sui Monti Lattari e trasformarono il piccolo villaggio di Amalfi in una città, che era già sede vescovile nell’anno 596. Amalfi e il territorio della Costiera appartennero, sino alla prima parte del IX secolo, al ducato romanico-bizantino di Napoli, dal quale si staccarono definitivamente il I settembre 839, dando vita ad una repubblica autonoma allo scopo di difendere i commerci marittimi di Amalfi dagli attacchi dei Longobardi di Benevento.

Costiera Amalfitana 8 ph Gabriella Imparato 570

Dapprima fu governata da Conti eletti annualmente, poi da Prefetti ed infine da Duchi che la trasformarono in una sorta di monarchia ducale. Sin dall’VIII secolo gli Amalfitani si erano insediati nei principali centri portuali del Mediterraneo in "colonie virtuali", costituite da abitazioni, botteghe, chiese, monasteri, ospedali, che si amministravano mediante le leggi della madrepatria. Il ruolo di Amalfi nella politica mediterranea medievale fu di mediazione tra civiltà tra loro contrapposte, quali l’araba, la bizantina e l’occidente romanico-germanico. Il commercio triangolare di Amalfi medievale si svolgeva toccando l’Italia, l’Africa settentrionale araba e l’Impero di Bisanzio. Le navi di Amalfi salpavano cariche di legname alla volta dei centri arabi della costa africana da vendere in cambio di oro. In una seconda fase si recavano lungo la costa Siro-Palestinese e a Bisanzio, dove acquistavano spezie, pietre preziose, stoffe pregiate, oggetti di oreficeria che in una terza fase rivendevano in gran parte dell’Italia, spingendosi sino a Ravenna e di lì, navigando il Po, addirittura a Pavia.

Costiera Amalfitana 10 ph Gabriella Imparato 570

Questo ciclo triangolare del commercio amalfitano arricchì enormemente gli abitanti della repubblica marinara a tal punto che potenze nemiche progettarono di conquistarla. Così Amalfi perse definitivamente la sua indipendenza nel 1131, quando entrò a far parte del regno normanno di Sicilia. Ma la sua floridezza economica e la potenza marinara non si eclissarono; in realtà Amalfi fu superata nei commerci e nelle attività marinare da nuove potenze concorrenti, quali Pisa e Genova. Amalfi per tutto il Medioevo ebbe una numerosa e potente flotta sia militare che mercantile. Della storia marinara di Amalfi oggi restano, oltre all’arsenale, il codice marittimo conservato presso il Museo Civico, e la tradizione dell’invenzione della bussola. Furono, infatti, gli Amalfitani ad inventare la bussola quale strumento di orientamento marinaro magnetico e la diffusero nel Mediterraneo entro la prima metà del XIII secolo.

Costiera a sorrento 570

Riceviamo dall'Avvocato Nicola Comite e volentieri pubblichiamo

Caro Carmine, Amalfi è nel mio cuore. La mia famiglia ha avuto origine nel nono secolo in Amalfi. Primi dogi Maurone e Sergio Comite, dove per comite si intende in latino duca doge. La porta del famoso duomo è stata donata nell undicesimo secolo da Pantaleone Comite, iscrizione sulla porta. Fino al 1522 la mia famiglia è stata in Amalfi e quando concessa in feudo ai Piccolomini, tante famiglie furono costrette a scappare, la mia con una galea in circa 30 persone sbarcò nella dirimpettaia Agropoli e da lì a seguito delle incursione dei Saraceni sali' sui monti del Cilento occupando fondi incolti. Mio padre è nativo di Ogliastro Cilento dove anche questa estate mi sono recato per far visita sia ai miei antenati(al cimitero) sia a qualche figlio di cugino di papà che porta il mio stesso nome e cognome. Tutto documentato dalla istoria amalfitana del Camera. Due strade ed una scuola sono intitolate ai Comite in Amalfi. Bravo, bisogna essere turisti miopi, non guardare lontano. Bravo ancora.

DOVE DORMIRE

Monastero Santa Rosa

Piscina Monastero santa rosa 570

Al Monastero Santa Rosa Hotel & Spa di Conca dei Marini, sulla Costiera Amalfitana, l’estate è all’insegna del benessere attivo all’aria aperta, della buona tavola, del relax, della calma e della privacy più assolute. Appartato per sua stessa natura, isolato sulla cima di un aspro sperone roccioso da cui si gode una vista incomparabile sul Golfo di Salerno, abbracciato da alti muraglioni di pietra, il Monastero Santa Rosa costudisce la sempre la privacy e la riservatezza di chi lo abita, un tempo le monache Domenicane di clausura che lo fondarono nel Seicento (e dalla loro clausura diedero vita a quella delizia che sono le Sfogliatelle, diventate dolce simbolo della pasticceria napoletana), oggi gli ospiti del Resort nato dall’attenta e rispettosa ristrutturazione dell’antico complesso monastico. Ora questo raffinato Boutique Hotel di fama internazionale, è stato proclamato Hotel of The Year by European Hotel Awards 2020 ed è stato premiato come miglior Hotel d’Italia nella Readers' Choice Awards della rivista americana Condé Nast Traveler, secondo miglior Hotel d’Europa e ottavo miglior Hotel del Mondo.

Via Roma 2, 84010 Conca dei Marini (SA)
Tel. +39 089 8321199
info@monasterosantarosa.com  
www.monasterosantarosa.com 

Hotel Il San Pietro di Positano

Il San Pietro Positano vista interno 570

Il San Pietro è più di un albergo. È un viaggio nel viaggio dove si creano ricordi che non verranno mai dimenticati. Oasi di pace, immersa nella natura, questa elegante dimora armonizza la tradizione dell’ospitalità con un lusso moderno e mai ostentato. Un piccolo angolo di paradiso sospeso tra mare e cielo. Armoniosamente modellate sulla scogliera, con vista sul mare e sulla costa, le camere sono uniche: una combinazione di lusso discreto, dettagli curati e design originale. Il profumo del mare e la vista straordinaria sulla costa rendono l’esperienza culinaria al San Pietro un momento sensoriale. Lo chef Alois Vanlangenaeker coniuga tradizione e innovazione, dando un tocco di modernità alle ricette regionali classiche. La cucina è delicata, gli ingredienti sono di stagione. Gran parte dei prodotti utilizzati sono coltivati negli orti biologici dell’albergo o provengono da fornitori locali. Il bar La Terrazza con la vista iconica su Positano e il nuovo ed elegante bar L'Alcova, accanto allo Zass, offrono un'ampia scelta di cocktail e distillati.

Via Laurito 2, 84017 Positano (SA)
Tel. +39 089 812 080
info@ilsanpietro.it 
www.ilsanpietro.com 

Hotel Le Sirenuse

hotel Le Sirenuse positano 570

Le Sirenuse ha aperto nel 1951 quando Aldo, Paolo, Franco e Anna Sersale decisero di trasformare la loro casa al mare in un piccolo albergo di charme affacciato sulla baia di Positano. Oggi le Sirenuse ha 58 camere e il servizio di un grande albergo, pur mantenendo sempre lo spirito e l’atmosfera di una casa privata. Franco, grande conoscitore d'arte e di cultura, il cui gusto ha definito lo stile delle Sirenuse negli ultimi anni, e' tristemente mancato nel gennaio 2015. Dal 1992, Antonio, suo figlio, dirige con successo l'albergo, mentre sua moglie, Carla disegna la collezione Le Sirenuse, Positano, venduta nella boutique Emporio Le Sirenuse a Positano e nei migliori negozi in giro per il mondo. Marina, figlia di Paolo, ha creato, con suo marito Sebastián Alvarez Murena, la linea di profumi e prodotti di bellezza Eau d'Italie, venduta a Positano e nel mondo. Giulia, sua sorella, sovrintende alla cura delle bellissime piante e del verde che adornano terrazzi e salotti alle Sirenuse. Le Sirenuse e' un posto meraviglioso per godere dei piaceri semplici di Positano e della bellezza spettacolare della Costiera Amalfitana. John Steinbeck, che venne nel 1953, scrisse 'Positano colpisce profondamente. E un posto di sogno che non vi sembra vero finche' ci siete ma di cui sentite tutta la profonda realtà quando l'avete lasciato.'

Via Cristoforo Colombo 30, 84017 Positano (SA)
Tel. +39 089 875066
info@sirenuse.it 
www.sirenuse.it 

Hotel Santa Caterina

Vista Hotel Santa Caterina 570

Un'antica villa di mare in stile Liberty circondata dalla naturale bellezza della Costiera Amalfitana, dal mare e dal cielo sempre azzurro, dalle lussureggianti bouganville, dagli orti ancora coltivati da chi apprezza i frutti della terra. Questo è l'Hotel Santa Caterina di Amalfi, un luogo in cui ospitalità e benessere sono di casa. Il Beach Club dell'Hotel Santa Caterina di Amalfi offre ai suoi ospiti una discesa a mare privata, un'ampia spiaggia con solarium e una piscina riscaldata di acqua marina. L'hotel si trova a picco sul mare, a pochi passi dal centro storico di Amalfi, l'antica e potente repubblica marinara. Da qui è possibile organizzare escursioni per tutta la Costiera Amalfitana e oltre. Nei due ristoranti del Santa Caterina potrete gustare i piatti tradizionali della cucina locale rivisti con un tocco di estro e immersi in una dolce atmosfera mediterranea. L'albergo domina dall'alto una vasta proprietà che si snoda fino al mare attraverso una serie di panoramiche terrazze naturali. Gli ospiti possono godere di una discesa a mare privata, di un beach-club esclusivo e raggiungere facilmente il suggestivo centro storico di Amalfi e gli altri villaggi della Costiera. 

S.S. Amalfitana 9, 84011 Amalfi (SA)
Tel. +39 089 871012
info@hotelsantacaterina.it 
www.hotelsantacaterina.it 

DOVE MANGIARE

Ristorante Don Alfonso 1890

Ristorante don Alfonso

Il Ristorante Don Alfonso 1890 è lo specchio di una filosofia che innova rispettando la cultura e le tradizioni alimentari millenarie della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana. Ricavati da un palazzo napoletano del XIX secolo, gli ambienti design del ristorante hanno colori vivaci - lilla, giallo, arancio e rosa - pensati per esaltarsi con la luce naturale del mediterraneo, un modo per trasportare il viaggiatore nella straordinaria atmosfera del Sud d'Italia. Il nostro menù si apre con una frase di Eduardo De Filippo: "Solo dopo aver studiato, approfondito e rispettato la tradizione, si ha il diritto di metterla da parte, sempre però con la consapevolezza che le siamo debitori, per lo meno, d'aver contribuito a chiarirci le idee. Naturalmente, se si resta ancorati al passato, la vita che continua diventa vita che si ferma ma, se ci serviamo della tradizione come d'un trampolino, è ovvio che salteremo assai più in alto".

Corso Sant'Agata 11/13, 80061
Sant'Agata Sui Due Golfi Napoli
Tel. *39 0818 780026
info@donalfonso.com 
www.donalfonso.com 

Ristorante Il Refettorio

MSR Piatto 2 ph MauroParmesani

Il Refettorio, il ristorante del Monastero Santa Rosa che si fregia di una Stella Michelin dal 2018, ha un'anima tutta mediterranea, interpretata con maestria dallo chef Christoph Bob, ex braccio destro del grande Heinz Beck, affiancato da una brigata di livello internazionale. Quella del Refettorio oltre che una cucina stellata è, anche e soprattutto, una cucina creativa, innovativa, fantasiosa, frutto di una minuziosa ricerca sui prodotti, fortemente ancorata ai valori del territorio riletti in chiave contemporanea. Christoph Bob, il principale artefice della conquista del prestigioso riconoscimento attribuito dalla celebre “guida rossa”, utilizza e valorizza prodotti tipici di cui sono ricchissimi la Costiera e il suo entroterra, prelibati pesci e crostacei del mar Tirreno, verdure ed erbe coltivate all’insegna del biologico nell'orto terrazzato del Monastero, baciato dal sole.

Via Roma, 2, 84010 Conca dei Marini (SA)
Tel. +39 089 832 1199
info@monasterosantarosa.com  
www.monasterosantarosa.com/dining/ 

Trattoria Da Armandino

Piatto Osteria da Armandino 570

Location unica incastonata fra la scogliera su una baia color smeraldo! Il Ristorante "La Praia" Da Armandino, (dal 1986), e' un ambiente in cui si respirail mare, semplice e familiare di grande fascino. Da sempre questo locale riserva un'atmosfera calda e sincera nella suggestiva cornice di uno degli angoli piu' belli della Costa d'Amalfi: la Marina di Praia, borgo marinaro ed insenatura romantica che regala sensazioni forti e in cui si respira ancora l'aria del passato. La cucina offre le migliori specialita' della tradizione locale e propone piatti di pesce e verdure degli orti, come le linguine con i frutti di mare o le deliziose fritture.

Via Marina di Praia, Praiano 84010 (SA)
Tel. +39 0898 74087
info@daarmandino.it 
www.daarmandino.it 

 

 

mappa Campania 570

 

 

Logo ItinaerarideiSapori bianco

©2021 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.