MANTOVA, PALAZZO TE MERAVIGLIA ITALIANA

di redazione@itinerarideisapori.it

palazzo te580a

Mantova era anticamente circondata da quattro laghi formati dal corso del fiume Mincio. Poco distante dall'isola su cui sorse la città si trovava un'altra isola denominata sin dal Medioevo Teieto (poi abbreviato in Te), collegata con un ponte alle mura meridionali della città. Due sono le ipotesi più attendibili sul significato del termine Teieto: esso potrebbe derivare da tiglieto, località di tigli, oppure essere collegato a tegia, dal latino attegia, che significa capanna. L'isola, che possiamo immaginare verdeggiante e tranquilla, divenne ben presto luogo di svago per la famiglia Gonzaga; numerosi sono i documenti che attestano già dalla metà del Quattrocento l'uso di questo contesto naturale. 

Sala dei giganti muro sud580

Agli inizi del 1500 Francesco II Gonzaga, marito di Isabella d'Este, vi fece costruire stalle per gli amati cavalli di razza e anche una casa padronale. Rimangono infatti tracce di un edificio di pregio con pitture murali nei sottotetti dell'attuale palazzo. Un affresco reca la data 1502 e le iniziali del committente. L'incontro tra Giulio Romano e Federico II Gonzaga e il successivo incarico di costruire il Palazzo Te è suggestivamente descritto da Vasari nelle sue Vite. Quando Giulio giunge a Mantova nell'ottobre del 1524, il marchese gli fornisce una dimora, lo colma di regali e, donatogli uno dei suoi cavalli favoriti, cavalca con lui fino all'isola del Te. Qui Federico incarica Giulio di ristrutturare le scuderie esistenti per "accomodare un poco di luogo da potervi andare e ridurvisi tal volta a desinare, o a cena per ispasso".

Mantova Profilo di Mantova580

Il proposito dunque appare piuttosto modesto ma, come riferisce Vasari, alla vista del bellissimo modello predisposto da Giulio, il marchese dà incarico, con entusiasmo, di iniziare immediatamente la costruzione del palazzo. La funzione dell'edificio è anche chiaramente espressa in un'iscrizione che si trova nella sala di Psiche. È un palazzo per il tempo libero e lo svago, per l'onesto ozio del principe, che ritempra le forze nella quiete. Palazzo Te viene utilizzato spesso dalla famiglia Gonzaga come luogo atto ad accogliere e onorare gli ospiti illustri, come dimostrano le visite dell'imperatore Carlo V che soggiorna al Te in due occasioni, nel 1530 e nel 1532, mentre Enrico III re di Francia vi è ricevuto nel 1574.

 

Palazzo Te
Viale Te 13, 46100 Mantova
www.palazzote.it 

Logo ItinaerarideiSapori bianco

©2021 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.