LA MAIELLA DIFENDE L'ABRUZZO, PROFUMI DI ALPEGGIO E DI MARE, FRA VINO E OLIO EVO

di Giampietro Comolli

maiella vigneti vista itin 570

Bellissimo il campo golf di Miglianico in via Cerreto a Pescara dove ho fatto l’ennesima figura negativa dopo anni di abbandono. Il mio 14 di handicup grazie ai maestri Della Torre e Eva Ragher non lo giocherò mai più! Peccato. Lasciamo il golf in una terra legata al mare e all’attività del famoso porto antico di Aternum, attuale Pescara, prima ancora testimone di insediamenti protostorici sopra il colle del Telegrafo, abitato già 3000 a.C.. Qui i bizantini costruirono il Castellum ad mare. Tutto il territorio fu conquistato dai Longobardi contro i bizantini fino all’arrivo dei Franchi. Il territorio Teatino è strettamente legato dalle conformazioni geologiche e calcaree del gruppo della Maiella, composto da un insieme di monti, assai diversificati, ricchi di fenomeni carsici, poveri di acqua superficiale, ricca di risorgive spontanee dopo le piogge, come quelle di Fara San Martino. Nel versante orientale il massiccio è tagliato da gole e valloni, mentre ad occidente è piuttosto omogeneo e caratterizzato da una sola incisione, la Macchia di Caramanico. Lasciata la città di Pescara, veloce salto a Guardiagrele, la città di pietra, per curiosare fra le tradizionali botteghe orafe.

maremaiella 570

Poi si arriva a Comino fino a Bocca di Valle seguendo il limitare del Parco della Maiella. Sosta-relax per una escursione alle falde della Maiella fino a Pretoro, borgo su uno sperone roccioso a 600 mslm per poi scendere verso valle passando per gli eremi Celestiniani, Roccamontepiano, Tracanna, Reginaldo fino alla valle dei Teatini. Territorio segnato da val Pescara e val di Sangro, presenta un territorio di pianura verso il mare e collinare montano interno, con distese di abeti e riserve naturali che caratterizzano la provincia di Chieti. Chieti è una città d’arte, visita alla cattedrale di San Giustino, chiesa di san Francesco al Corso, antica Santa Maria del Tricalle, anfiteatro e antiche rovine romane di Teate, Torre Toppi, l’Esedra di Pescheria e palazzo Majo. Di piatti e prodotti tipici, è vasta la scelta lungo le strade da Casoli a Lanciano fino al lago Bomba di Sambucato, da vedere! Primi piatti di pasta con sughi di carne e carne arrosto sono la linea fissa, con tante varianti dal mare ai monti. A Chieti l’Enocacioteca di via Ravizza, il Biocelia TuttoBio di via Otiz soddisfano ogni richiesta. A giuliano Teatino le confetture di D’Alessandro, a Villamagna le ceramiche di Liberati, a Castel Frentano la formaggeria di Marianna, a Guardiagrele c’è il Tempio del Gusto per sfiziosità, a Trappeto di Caprafico, azienda agricola Tommaso Masciantonio, il legame tra i Masciantonio e il loro territorio, è antico; già nel 1874 la famiglia lavorava le olive. L'azienda conserva, ulivi secolari e produce olio di alta qualità, dalle principali cultivar: Gentile di Chieti e Intosso, la varietà autoctona di Casoli, Abruzzo. (tel. +39 0871 897457)

casoli maiella itin 570

Lasciata Chieti, presa la strada per Ripa Teatina, Villamagna, dopo Vacri ecco Semivicoli, panoramica dalla innevata Maiella alla distesa del mare Adriatico, dove visitare il castello-palazzo del XVII-XVIII° secolo dei baroni Perticone, si prosegue per Fara Filiorum Petri, fino a San Martino sulla Marrucina, in provincia di Chieti, fra Colle Grande e Gamberale, ecco la Tenuta Agricola Masciarelli (tel. +390871801723), mirabilmente oggi guidate da Marina Cvetic Masciarelli e figli. Azienda complessa, con governo e vini al femminile, eleganza e grazia, gusto e alta qualità sono i profumi che respiriamo nei 300 ettari di vigne in 14 diversi territori, fra 200 e 500 mslm da Ripa a Nereto, nelle cantine e in frantoio. Qui rinacque il Montepulciano d’Abruzzo e altri grandi vini rossi, mentre con il marchio Castello Semivicoli ecco gli ottimi vini bianchi, tra cui il Pecorino Doc Abruzzo 2019 e il Masciarelli Trebbiano d’Abbruzzo Doc 2018, entrambi ottimi vini bianchi, sapidi e fruttati, con un filo elegante speziato. Prediligo da sempre il meraviglioso vino il Montepulciano d’Abruzzo Doc Gianni Masciarelli, ottenuto dalle uve Montepulciano al 100% dai vigneti di Loreto Aprutino.

casoli panorama 570

Rosso rubino intenso e profondo; ventaglio di aromi di pigna, fiori secchi colorati, erba fieno e te; in bocca un elegante gusto di soia e frutti di marasche mature, finale equilibrato con tannini scivolosi, retrogusto fresco di prugna rossa. Per la merenda sfiziosa, fra una visita e l’altra, a Chieti immancabile Tavernetta da Ianni, il piatto di antipasti abruzzesi, mentre al castello Semivincoli bruschette con olioEvo del castello e poi delizioso primo di pasta con il ragù abruzzese. A Bucchianico il ristorante La Neviera di donna Giulietta in cucina, in via Cappellina San Camillo, per le chitarre di farro e la sella di coniglio arrosto. Cena tipica alla locanda da Matilde in Colle Pagnotta per i gnocchi al sugo di agnello e pecora bollita. A Atessa un trattoria popolare con porzioni eccezionali di pasta fatta in casa a La Casareccia, oppure cena al lume in contrada Serre al castello di Septe. Per i pernotti: in val di Sangro a Paglietta l’agriturismo della tenuta Villa Catena, oppure a Guardiagrele il B&B La Majeletta oppure a Chieti zona La Torre il Cantina Loft hotel e all’Harris Hotel, con sauna e palestra.

castello maiella 570

Logo 2022 Itinerari dei sapori

©2022 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.