CLAVESANA MITO ALTA LANGA DOCG EXTRA BRUT METODO TRADIZIONALE CLASSICO

di Giampietro Comolli

Clavesana Mito extrabrut AltaLanga ok def 2 570

Facile dire Langhe. Distretto e area interna fra le più importanti per il vino italiano, assai versatile, biologicamente differente. Quel Piemonte che da Alba e Bra, appena lasciate Neive, Guarene e Carmagnola, conduce verso Cuneo, nella valle percorsa dal fiume Tanaro, parte sud occidentale di colline dolci, alle falde dell’appennino. Dal ligure Langates o dal romano Langarum, tradotto in Langhe, cioè un avvallamento. Terreni nati da erosioni ed emersioni marine, pendono origine dall’appennino di gessi marne e fossili marini, arrotondati dal golfo marino esistente 5 milioni di anni fa e dalle spinte geologiche verso nord della crosta africana. Modellato dalle ultime glaciazioni e dal prosciugamento del mare Padano.

cantina clavesana territorio 570

 

Il fiume Tanaro personifica e differenzia la viticoltura langarola, dall’impronta specifica dei vini rossi. In frazione Madonna della Neve, a Clavesana vicino a Carrù, difronte ai calanchi bianchi lavati dal mare antico, la cantina dei Produttori di Clavesana da 60 anni impegnata a tutelare e difendere la viticoltura delle colline fra Mondovì e Alba. Vigne poste a media-alta collina, 320 ettari coltivati dai soci, uve Dolcetto per il Dogliani Docg, uve di Nebbiolo per il Langhe Doc, Barbera, Barolo e Pinot Nero e Chardonnay. Ottimi vini, il Barbera Superiore, il Langhe Nebbiolo e il Nebbiolo d’Alba, tutti con equilibrato affinamento in legno, ma il meglio la freschezza il fruttato e l’attualità si trova nel Dolcetto di Dogliani, uve Dolcetto vinificate solo in acciaio.

vendemmia clavesana ph Debora Lombardi 01 570

Presenta due linee di etichette: Terra in stretto legame con il mondo contadino e il territorio langarolo, per immediatezza sensoriale, diretta, conviviale; Mito per vini più ricercati e complessi, selezione della selezione. Alta Langa Docg Mito Clavesana extra brut è ottenuto da uve coltivate fra Asti e Cuneo, vigne a destra del fiume Tanaro, su terreni marnosi e calcarei con vene alte di argilla, ma freschi; affinamento di 30 mesi sui lieviti. Vestaglia slanciata paglierino giallo portante una corona spessa di bollicine fini; quadro aromatico legato a frutta verde e fresca e fiori gialli di camomilla e tono di lievito non invadente; in bocca è fresco e dinamico, sapido con tocco acido, elegante etereo invogliante con un finale di nocciola pastosa.

cantina clavesana botti 570

@amemipiacecon® le tartine di fegato grasso di oca e anitra misto oppure impanade fritte ripiene di verdure e pollo oppure la bomba di riso esclusivamente con piccioni oppure gamberi e verdure in tempura fritti oppure lo zimino o la trippa di vitello oppure con le fritelle dolci secche non farcite.


Produttori di Clavesana
Frazione Madonna della Neve
Piazza Vittorio Emanuele II 7, 12060 Clavesana, Cuneo
Tel. 0173 790103,
info@clavesana.info 
www.clavesana.info 

Logo ItinaerarideiSapori bianco

©2021 itinerarideisapori.it All Rights Reserved.